Drunkenrabbit | Embroidery on Paper
432
single,single-portfolio_page,postid-432,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,

PORTFOLIO

Embroidery on Paper

Category: EMBROIDERY

About

Il filo che lega il tempo e lo spazio. Il filo che come un orologio scandisce la durata e le quantità (i titoli delle opere ne sono esemplari: “9,5 mt d’amore”, “2 mt d’amore”…).
Con questi lavori si analizzano vari aspetti della vita quotidiana, un gesto ripetitivo che porta via la sua mente dai pensieri giornalieri, un gesto antico che si perderà nel tempo.
L’ancestralità del cucito, legato alla poetica del mito: da Penelope che durante la notte scuce la tela che aveva costruito durante il giorno, alla sua bisnonna che al calar del sole scuciva il colletto dell’unico abito che aveva e ne cuciva un altro diverso per dare l’impressione di avere un abito nuovo.

Questo lavoro è un percorso emozionale tramite i fili, visti proprio come vasi sanguigni che conducono verso il cuore pulsante di ognuno di noi, il fulcro di ogni questione: onorare il tempo, i ricordi e la meravigliosa fragilità che fa di noi degli esseri umani.

 

“Il Retro del Cuore” is an emotional path through threads, seen as blood vessels that lead to the beeting heart of each of us. The cornerstone of any question: honor the time, the memories, and the wonderful weakness that makes us human being.

The entire path of the exhibition is tied to the thread. The thread as a link through time and space. The thread that articulate duration and quantity as a clock (as in the titles of the hearts 9,5 mt d’amore, 2 mt d’amore…).
With these works, the artist analyses various aspects of everyday life. A repetitive gesture that take away the mind from daily thoughts. A ancient gesture that gets lost over time.
The ancestral aspect of sewing, linked to the myth’s poetic: from Penelope who, during the night, unpick the canvas she have built during the day, to the great-grandmother who, at sunset, unpick the neckline of the only dress she has, in order to sew an other one, giving the impression that she has a new dress.